Cosa fare al Museo con i tuoi Bambini!

BERGAMO: Museo e Villaggio Africano

Quando: 24 gennaio 2015, 10:05

Newsletter

museo-africano

Il Museo e Villaggio Africano  ha sede all’interno del convento di Basella di Urgnano, in provincia di Bergamo, edificato intorno al 1460 da Bartolomeo Colleoni per i frati domenicani.

Tutti i proventi del Museo sono devoluti alle opere missionarie di realizzazione e mantenimento delle scuole e dei laboratori artigianali per giovani in Kenya e Tanzania.

Oltre ad avere una collezione permanente e  mostre temporanee, il museo presenta una vera e proprio esposizione “en plain air” (il Villaggio appunto) di diverse tipologie di abitazioni africane appartenenti a popolazioni dell’Africa Occidentale e Orientale, perché “si pensava di creare un luogo in cui ci fosse stato un incontro con l’Africa, la sensazione doveva essere quella di entrare nel continente nero”.

La visita al Museo con i bambini vale sicuramente la pena, soprattutto per il forte valore di intercultura che il museo trasmette attraverso  i suoi  allestimenti museali e l’utilizzo di strumenti moderni e di una proposta educativa molto ricca.

Oggetti di culto come l’iPhone e l’iPod Touch diventano guide multimediali d’eccezione: 70 filmati realizzati appositamente per presentare la collezione d’arte, guidano il visitatore in percorsi tematici direttamente fra le opere esposte, proiettandolo nel contesto culturale e ambientale originario.

Gli iPod sono a disposizione dei visitatori per entrare in profondità nell’origine e nei significati delle oltre trenta opere d’arte esposte, grazie ai filmati della durata di circa due minuti, dedicati a ognuna delle singole opere ai popoli protagonisti della collezione. Con la videoguida portatile, il visitatore potrà così unire il piacere e l’emozione di stare di fronte all’opera originale con l’interesse degli approfondimenti di carattere culturale, artistico ed etnico non di rado sorprendenti forniti dai filmati.

Inoltre, grazie alla portabilità delle videoguide multimediali, è possibile per il visitatore seguire passo passo all’interno dell’area espositiva i racconti dei quattro percorsi tematici (ognuno di circa 15 minuti) che esplorano le varie opere del Museo attraverso quattro fili conduttori: l’arte per curare, le maschere, i simboli del potere e la maternità.

Per quanto riguardo le mostre in corso attualmente potete visitare:

KAZI NJEMA! BUON LAVORO! Guadagnarsi il pane a sud del Sahara

La nuova mostra propone una rassegna delle attività quotidiane presenti nei villaggi e nelle periferie urbane di diversi stati a sud del Sahara. Pur nella diversità delle occupazioni e degli attrezzi utilizzati, l’abitudine atavica alla fatica convive con l’arte di arrangiarsi e di aggiustare tutto; l’essere sempre in movimento, indaffarati, coesiste con il prendere tempo per il dialogo con il vicino.

“Kazi njema! Buon lavoro!”, non è quindi un elogio dell’accattonaggio o della povertà, ma della voglia di vivere e gioire, nonostante tutto, posseduta da piccoli e grandi di questa fetta di umanità.

Questa mostra è anche una mostra da … toccare, provare, usare!
Infatti, attraverso il meccanismo del gioco di ruolo è possibile svolgere, per tutto il tempo che si desidera, alcune delle attività che ogni giorno compiono milioni di adulti e bambini, in modo da rivivere e comprendere le condizioni di lavoro e di vita che tanti immigrati africani hanno lasciato nei loro paesi di origine.
Il tutto con l’augurio, da parte dei curatori della mostra, di imparare divertendosi e di considerare con rispetto e empatia lo straniero che vive in mezzo a noi.
Purtroppo il museo  e’ per ora concepito per le scuole e i campi estivi; e’ infatti  chiuso il Sabato e la domenica. Il week end e’ possibile pero’ visitare il museo su prenotazione; consigliamo pertanto a chi voglia poter partecipare alle animazioni con i propri bambini di contattare anzitempo il museo (info@museoafricano.it) per conoscere i giorni disponibili (ma ne varra’ sicuramente la pena!). Nelle belle giornate sara’ possibilie usufruire della bellissima area pic-nic che include alcuni giochi per bambini e della bellissima area verde destinata al gioco libero.

Ti potrebbe anche interessare...

Add Your Comment

Your email address will not be published.

Sei vero ? * Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.


KAT non è responsabile dei contenuti di altri siti web qui segnalati o linkati. Web Master: Elisa Rosa.
KAT - KIDS ART TOURISM P.IVA: 02168580997